NEWS
2021
SICUREZZA SUL LAVORO, NORA GAROFALO (FEMCA-CISL): “Sconvolti per la morte dell’operaia tessile di 23 anni, subito interventi per garantire la legalità nella moda”
04/05/2021

“La terribile tragedia di Prato ci ricorda che il Covid non è l’unica insidia nei posti di lavoro e che si continua a morire perché la sicurezza è spesso considerata un optional, un costo, e in molti casi non viene rispettata. Il tragico incidente costato la vita a una operaia tessile di soli 23 anni ci sconvolge e rattrista profondamente, ma deve rappresentare un monito per tutti noi a porre in essere tutte le misure per garantire l’assoluta sicurezza nei luoghi di lavoro. È una battaglia di civiltà e di giustizia sociale che deve vederci tutti uniti”. Lo ha dichiarato la segretaria generale della Femca-Cisl, Nora Garofalo. “La moda è uno dei settori più colpiti dalla crisi generata dalla pandemia, e non è un caso che sia stato tra i primi comparti ad essere convocato dal Governo. In tutti i confronti con l’Esecutivo abbiamo ribadito la necessità di far ripartire il settore, ponendo come condizione un intervento serio e drastico sul dumping contrattuale e sul tema del rispetto della legalità nel settore. L’esigenza di recuperare il tempo perduto, inoltre, non può essere il pretesto per intervenire sui ritmi di lavoro, che inevitabilmente si ripercuote sulla sicurezza degli addetti. Non c’è un bene da produrre che valga una vita umana, siamo vicini ai familiari della giovane vittima e ai suoi colleghi”, ha concluso Garofalo.  

LOGISTICA, ITALMONDO - Sciopero e blocco dei magazzini ad Arluno, Ossona, Origgio, Lainate 
28/05/2021

“La Fit Cisl Lombardia non lascerà mai soli i lavoratori della cooperativa Fai”, dichiara il coordinatore regionale di logistica, trasporto merci e spedizione Fabio Marani.
“Da Arluno a Ossona S. Stefano, da Origgio a Lainate il fermo dei lavoratori è totale. La protesta si leva forte verso il comportamento della società committente Italmondo, il cui comportamento è stato più volte denunciato nel corso delle scorse settimane”, chiosa il segretario del presidio di Legnano Magenta della Fit Cisl Lombardia, Maurizio Zaccaria.
“I lavoratori non vogliono null’altro che quanto a loro già oggi dovuto, ovvero retribuzioni, orari e luoghi di lavoro ed inquadramenti coerenti con quanto previsto dalla legge e dai contratti”, proseguono i sindacalisti della Fit Cisl Lombardia.
“Il blocco dei magazzini è una iniziativa forte perché pesanti sono le mancanze in busta paga dei lavoratori. Facciamo appello al senso di responsabilità dell’azienda – conclude Marani -. I lavoratori meritano la giusta retribuzione”.

BANKITALIA - Sbarra: “Bene Visco su necessità coesione e protezioni sociali per attuazione PNRR. Ma occorre anche patto sociale e nuova stagione di partecipazione”
31/05/2021

“Dal Governatore della Banca d’Italia, Ignazio Visco è giunto oggi un richiamo positivo alla assoluta necessità di coesione sociale e di una ampia condivisione nella attuazione del PNRR e delle complesse riforme che lo accompagnano per far fronte agli impegni assunti dal Governo in Europa”. Lo sottolinea il segretario generale della Cisl, Luigi Sbarra, commentando le Considerazioni Finali del Governatore della Banca d’Italia Ignazio Visco.
“Far aumentare il livello del Pil tra i 3 ed i 4 punti percentuali entro il 2026 è un obiettivo alla portata del nostro Paese ma per questo occorre il contributo delle parti sociali, attraverso un grande patto ed una rinnovata stagione di concertazione, senza interventi unilaterali del Governo o fughe in avanti della politica sui temi del lavoro e dello sviluppo. Il PNRR deve davvero diventare una opportunità per la sostenibilità ambientale, per il governo della transizione digitale, ecologica, energetica, industriale e per la riduzione dei divari territoriali nello sviluppo economico e sociale, senza lasciare indietro nessuno, ma rafforzando soprattutto la rete universale di protezione sociale, come ha ben sottolineato oggi lo stesso Governatore Visco, e con un moderno sistema di politiche attive in grado di accompagnare le persone lungo tutta la vita lavorativa. E’ giusto insistere, dunque, sul ruolo della formazione e dalla qualità dell’istruzione adeguata dei lavoratori dalla quale dipenderà la possibilità di accelerare l’inserimento nel mercato del lavoro. Ma per la Cisl occorre anche una vera svolta nella partecipazione dei lavoratori agli obiettivi ed alle scelte delle aziende, verso un sistema moderno di democrazia economica che ridisegni il nostro sistema produttivo attraverso un incontro virtuoso e responsabile tra capitale e lavoro. Questa è per noi la vera sfida di questa stagione”.

2021
2020
2019
2018
2017
2016
2015
2014
2013
2012