NEWS
2019
CAPORALATO, ALBANESE (FAI CISL LOMBARDIA): "Istituire premi per le aziende che aderiscono alla Rete del Lavoro Agricolo di Qualità"
07/02/2019

Istituire forme di premialità per le aziende che si iscrivono alla Rete del lavoro agricolo di qualità. Promuovere la costituzione di “Cabine di regia territoriali”, per coordinare azioni di monitoraggio, di prevenzione e tutela. Obiettivo: contrastare il fenomeno del caporalato, diffuso anche nelle regioni del Nord e in Lombardia. Sono alcune delle proposte avanzate oggi pomeriggio da Massimiliano Albanese, segretario generale del sindacato dei lavoratori del settore agroalimentare Fai Cisl Lombardia, nel corso dell'audizione congiunta IV-VIII Commissione Regione Lombardia sul reato di caporalato. “Chiediamo a tutte le parti interessate di impegnarsi concretamente, senza pregiudizi né battaglie ideologiche - ha detto - poiché dobbiamo scongiurare fenomeni di sfruttamento inaccettabili in un Paese civile, e per farlo occorrono investimenti e azioni che incidano in maniera accorta e calibrata sulla repressione quanto sulla prevenzione del caporalato”. 

La Fai Cisl Lombardia ha proposto nel corso dell'audizione di:  

1. Promuovere la costituzione di “Cabine di regia territoriali” (Istituzioni: Provincie, Comuni, Prefetture, uffici Inps, Inail, Dtl e Ats insieme alle parti sociali maggiormente rappresentative) per coordinare azioni di monitoraggio, di prevenzione e tutela sui diversi territori (sperimentalmente si potrebbe partire da una determinata area caratterizzata da forte presenza di attività agricole di natura stagionale);
2. Istituire delle premialità per le aziende che si iscrivono alla Rete del Lavoro Agricolo di Qualità, attraverso specifiche misure del Piano di sviluppo rurale;
3. Prevedere azioni mirate, anche attraverso gli enti bilaterali territoriali di settore, per facilitare e rendere trasparente l’incontro domanda-offerta di lavoro e la corretta applicazione di contratti nazionali e contratti provinciali di lavoro agricoli;
4. E ancora sul lato dell’offerta, per un concreto sostegno alle persone che lavorano e che sono a rischio di possibili abusi a causa della loro condizione di marginalità sociale e di fragilità umana (spesso migranti), favorire forme di integrazione e di inclusione sociale, attraverso progetti finanziati che, ove necessario, mettano a disposizione mediatori culturali, soluzioni logistiche quali trasporto verso le aree del lavoro e alloggi in linea con le attività agricole spesso stagionali, protocolli sanitari adeguati e sostegno economico in caso di denuncia di abusi e sfruttamento illecito della manodopera;
5. Raccomandare e favorire un registro delle “Cooperative agricole senza terra” affinché, attraverso il possesso di determinati requisiti, possa essere verosimilmente certa la “genuinità delle stesse”. Tali requisiti potrebbero essere:  l’utilizzo di mezzi di lavoro idonei, il possesso di Durc, l’esistenza di bilanci societari depositati da oltre un anno; la trasmissione del contratto di appalto stipulato all’Inps, al fine di favorire l’incrocio di dati e l’analisi di “indici di congruità” tra attività svolta e impiego di risorse umane, anche alla luce degli indici remunerativi previsti dal contratto nazionale  di lavoro agricolo e dal contratto di lavoro provinciale ove viene svolta l’attività; possibilità di avvalersi anche della collaborazione dell’osservatorio regionale dell’agricoltura.

“Siamo consapevoli che in questo ambizioso elenco abbiamo “lanciato il cuore oltre l’ostacolo” - conclude Albanese - ma la gravità del fenomeno, per i suoi profili spesso disumani, che feriscono irrimediabilmente la dignità delle persone, richiede impegni immediati e concreti ed esige un’azione di sistema al fine di favorire una concreta attività di prevenzione del fenomeno”.

15 FEBBRAIO, VERSO LE EUROPEE - In Cisl Lombardia incontro con Claudio Borghi, Patrizia Toia, Dario Violi
13/02/2019

“QUALE EUROPA VOGLIAMO? UN ASSETTO ISTITUZIONALE PIÙ ADEGUATO, UN NUOVO RAPPORTO TRA UNIONE EUROPEA E STATI, PROCESSI DECISIONALI PIÙ EFFICACI”.

VENERDI' 15 FEBBRAIO, DALLE ORE 9.30, VIA VIDA 10, MILANO 

Proseguono gli incontri organizzati da Cisl Lombardia in vista delle prossime elezioni europee. Venerdì 15 febbraio, dalle 9.30 presso la sede regionale di via Vida 10 a Milano si parla di “Quale Europa vogliamo? Un assetto istituzionale più adeguato, un nuovo rapporto tra Unione europea e Stati, processi decisionali più efficaci”.

IL PROGRAMMA 

Introduzione
Ugo Duci, segretario generale Cisl Lombardia

Il progetto europeo da Maastricht a Lisbona
Franco Chittolina, presidente di Apiceuropa

Si confrontano:
Patrizia Toia, europarlamentare Pd – vicepresidente Commissione industria, ricerca, energia
Claudio Borghi, deputato Lega-Salvini Premier – presidente Commissione Bilancio
Dario Violi, consigliere M5S – Ufficio di Presidenza Consiglio Regione Lombardia

Coordina i lavori Paola Gilardoni, segretario regionale Cisl Lombardia

2019
2018
2017
2016
2015
2014
2013
2012